Correzione laser dei difetti di vista

Laser vision correction

Sbarazzarsi di miopia, ipermetropia ed astigmatismo!

Una scelta fatta da milioni di persone nel mondo.

Visione senza occhiali o lenti a contatto.

 

Esistono numerose metodiche per la  correzione di miopia, ipermetropia e astigmatismo. Tuttavia il trattamento con  laser ad eccimeri è considerato da tutti gli specialisti nel mondo il più efficace e sicuro.
Durante la procedura il laser viene indirizzato  su uno dei mezzi di rifrazione dell'occhio: la cornea. Come risultato del rimodellamento della  curvatura corneale l'immagine si focalizza sulla retina come accade normalmente negli occhi non affetti da difetti visivi (emmetropia). Un alto livello di sicurezza ed i più moderni laser ad eccimeri rendono la procedura di correzione semplice ed efficace per la quasi totalità dei pazienti. Naturalmente si dovrebbe tenere a mente che, come ogni trattamento, la correzione laser ha alcune limitazioni. Ecco perché prima della procedura, ad ogni paziente il Dr. Ricci  effettua un esame diagnostico  completo  , che non solo è rivolto ad identificare i difetti della  rifrazione e fare una diagnosi globale sullo stato oculare, ma anche per assicurarsi che non ci siano controindicazioni al trattamento laser.

I vantaggi della correzione con laser ad eccimeri

  • Affidabilità e sicurezza
    I primi utilizzi del laser ad eccimeri in chirurgia oculare  hanno avuto luogo nel 1985;  possiamo quindi sicuramente parlare sull'efficacia e la sicurezza di questo trattamento anche a lungo termine. Il Dr. Ricci pratica questa laser chirurgia dal 1995.  
  • Vasta gamma di applicazioni
    Se non vi sono controindicazioni la correzione con laser ad eccimeri  elimina miopia (anche oltre -10,0 D), ipermetropia (fino a +6,0 D), astigmatismo (fino a ± 3.0D). L'opinione generale degli specialisti è che l'età ottimale per la correzione laser dei difetti di vista è 20-45 anni.
  • Procedura rapida
    Il trattamento con laser  viene effettuato in  10-15 minuti, mentre l'azione del laser stesso non dura più di 30-40 secondi.
  • Procedura indolore
    I pazienti  non avvertono alcun fastidio durante la procedura in quanto  l'occhio viene trattato con gocce di anestetico. Un eccellente risultato viene raggiunto con  minimo pericolo di complicanze ed un breve periodo di recupero.
  • Procedura ambulatoriale
    Il trattamento laser si effettua in giornata. I pazienti non devono essere ricoverati.
  • Periodo di recupero minimo
    I pazienti iniziano già a vedere bene appena la correzione laser viene ultimata ed entro una settimana la vista torna normale.
  • Prevedibilità dei risultati
    Subito dopo i risultati degli accertamenti diagnostici, il medico può fare una prognosi sul possibile risultato della correzione con laser.
  • I follow-up a lungo termine dei pazienti hanno dimostrato che non ci sono stati casi di deterioramento visivo o perdita della vista dopo il trattamento laser.
  • L’alto livello di sicurezza del trattamento e l’utilizzo delle  più moderne ed avanzate attrezzature  rendono la correzione con laser dei difetti visivi una procedura semplice ed efficace di ripristino della vista.

Se per qualsiasi motivo non si può essere sottoposti alla correzione del difetto visivo con laser ad eccimeri sono possibili altri metodi di trattamento. A seconda della specificità del singolo caso sono proponibili interventi chirurgici con impianto di IOL fachiche, l’estrazione di  lente trasparente con impianto di IOL (eventualmente torica o multifocale), cheratotomia tangenziale e arcuato e altre procedure eventualmente associate tra loro.
Attualmente  sono disponibili numerose tecniche di trattamento con laser ad eccimeri:  PRK , LASIK , LASEK , Epi-LASIK , SUPER-LASIK , INTRA-LASIK . La correzione con laser dei difetti di vista è il metodo più efficace e affidabile di recupero di vista solo se viene eseguita rispettandone tutte le indicazioni!
Laser a femtosecondi (femtolaser o intralaser) nella chirurgia oculare

Il laser a femtosecondi è un sistema laser innovativo, prodotto e sviluppato da un’azienda californiana, che sta  modificando (e lo farà sempre di più)  l’attività dei chirurghi oculisti nella correzione dei difetti di vista (chirurgia refrattiva) e nell’intervento per cataratta.
Il laser a femtosecondi prende il nome dalla sua frequenza di emissione pari a 10.000 impulsi al secondo con un diametro di soli 3 micron (3 millesimi di millimetro) e lunghezza d’onda di 1.053 nanometri.
Come agisce il femtolaser nel tessuto corneale per la  chirurgia refrattiva? Esso consente agli oculisti di creare un lembo corneale di diametro e spessore del tutto corrispondenti a quelli desiderati, diversamente dal microcheratomo ad avanzamento motorizzato che ha come limite principale la variabilità dello spessore del lembo. Il laser determina all’interno dello spessore corneale (stroma) una microesplosione che produce piccole bolle d’aria, le quali separano il tessuto e grazie al controllo computerizzato si possono creare geometrie e piani di incisione del tutto personalizzate. Ciò consente al chirurgo di trattare con maggior sicurezza e precisione i difetti di vista, specie le ipermetropie e gli astigmatismi; il taglio effettuato con il femtolaser evita il rischio delle complicanze che si possono verificare con il microcheratomo motorizzato, quali taglio incompleto o irregolare con perdita totale o parziale del lembo corneale. Promettenti, ma ancora sperimentali, sono i trattamenti intracorneali per la correzione della presbiopia.
Applicazioni ulteriori del femtolaser sono rappresentate dalla preparazione del tunnel corneale per l’inserimento degli anelli intrastromali nella cura del cheratocono.
Un altro utilizzo è rappresentato dal trapianto corneale (cheratoplastica) in quanto il laser crea un taglio circolare perfetto, riducendo al minimo la  deformazione corneale successiva all’intervento.
Il laser a femtosecondi infine è ormai realtà nella chirurgia della cataratta in quanto effettua:

  • l’incisione corneale (tunnel) con maggiore precisione ripetto alla lama del bisturi,
  • l’incisione della capsula anteriore della cataratta (migliore  centratura e dimensioni della stessa) con miglioramento dei risultati negli impianti di lenti intraoculari multifocali e di quelle che correggono l’astigmatismo,
  • la  frammentazione della cataratta.

 

Controindicazioni al trattamento con laser ad eccimeri

  • Gravidanza;
  •  Diabete grave;
  • Cataratta (indipendentemente dal suo stadio di sviluppo);
  • Glaucoma;
  • Iridociclite;
  • Miopia progressiva;
  • Precedenti interventi per distacco di retina;
  • Distrofia o degenerazione della cornea;
  • Malattie del fundus dell'occhio;
  • Malattie infiammatorie del sistema di visivo;
  • Malattia sistemiche (endocrine e costituzionali);

ATTENZIONE! La decisione finale sulla possibilità di essere sottoposti a correzione laser può essere presa solo dal medico dopo aver effettuato tutte le valutazioni sullo stato oculare e generale del paziente.

Website by DD2006.net Web Agency