La miopia nei bambini

La maggior parte dei bambini (secondo diverse fonti fino all' 80%) sono ipermetropi alla nascita (con una visione da vicino debole e di una visione a distanza migliore) a causa di un corto asse anteriore-posteriore del bulbo oculare (16-18 mm). Con la crescita generale anche il bulbo oculare si ingrandisce, l’ipermetropia si riduce e talvolta si può sviluppare una miopia.

Miopia congenita (miopia infantile)

La miopia congenita può essere associata a prematurità,geneticamente causata o provocata da eventuali processi patologici. Va sottolineato che nella maggior parte dei casi la miopia congenita è caratterizzata da lievi alterazioni del fundus oculare.
Come regola generale, la miopia congenita rimane abbastanza stabile, ma di tanto in tanto può progredire. Senza dubbio i bambini con miopia congenita necessitano di assistenza oftalmologica periodica, tramite la visita oculistica, al fine di prescrivere la correzione ottica migliore, con ulteriori misure di profilassi per prevenire l'ambliopia il più presto possibile.

Insorgenza della miopia in età scolare

La miopia è una condizione che impedisce ai bambini di vedere chiaramente oggetti posti ad una distanza lontana. Ciò accade quando i raggi paralleli di luce proveniente dagli oggetti ad una distanza lontana si concentrano davanti alla retina e non sulla retina. Di conseguenza, la visione di un bambino diventa meno nitida. In molti casi ciò si accompagna ad una aumentata lunghezza assiale antero-posteriore dell’occhio.
Gli oculisti solitamente classificano la miopia in lieve (fino a 3,0 D), media (da 3,25 D fino a 6,0 D) e alta (oltre 6,0 D). Miopie molto elevate possono raggiungere anche notevoli diottrie: 15.0, 20.0, 30.0 D e superiori.
I bambini miopi necessitano di occhiali per vedere bene da lontano e in molti casi anche a distanza ravvicinata (se la miopia supera le 5-6 diottrie). Purtroppo gli occhiali non possono fornire una visione ottimale se sono presenti alterazioni distrofiche oculari.

Perché i bambini diventano miopi?

Ci sono diverse cause di miopia compreso il fattore genetico, una sclera indebolita, anomalie del riflesso accomodativo, lavoro continuo a breve distanza di visione, fattori ambientali, trascurata igiene visiva, diete dimagranti scorrette, eccessivo affaticamento. Tuttavia nella maggior parte dei casi la miopia è causata dalla forma del bulbo oculare (aumento della lunghezza assiale antero-posteriore).

Informazioni utili

Il numero di bambini miopi varia significativamente in tutto il mondo e spesso addirittura all'interno di uno stesso paese. Nel mondo la miopia è identificata nel 2,3% -13,8% degli alunni della scuola. Questo tasso sale al 3,5% -32,2% nei diplomati. All'età di 10-14 anni la miopia raggiunge il suo picco di incidenza, anche se recentemente si è registrato un aumento significativo dei bambini miopi delle scuole elementari.
Gli esperti segnalano un aumento del numero di persone miopi nelle latitudini settentrionali rispetto a quelle meridionali e minore frequenza della miopia tra i bambini delle zone rurali rispetto a quelle urbane. Questo potrebbe essere correlato alla diversa intensità e qualità della luce, la dieta, il tempo trascorso all'aria aperta, il grado di affaticamento visivo, attività sportive, ecc

Come faccio a sapere se il mio bambino è miope?

Come è noto, molti disturbi possono essere trattati in modo più efficace nelle fasi iniziali. Lo stesso vale per la miopia. Il vostro bambino non può segnalarvi i suoi problemi visivi in ​​quanto non conosce la differenza tra 'la vista sfuocata' e 'la vista chiara'. Pertanto se si nota che il bambino tende a stancarsi presto durante la lettura, si china su un libro o un quaderno, continua a lamentarsi di mal di testa, tende a strizzare gli occhi, non esitate a consultare un medico! Si ricorda che solo uno specialista tramite la visita oculistica può diagnosticare un problema oculare del bambino e prescrivere le cure necessarie!

Come evitare le cattive abitudini visive

I genitori dovrebbero fare del loro meglio per impedire ai loro figli di sviluppare cattive abitudini visive. Si dovrebbe insegnare loro a sedersi correttamente alle scrivanie, per fare in modo che la luce cade su libri o quaderni in modo uniforme, mentre si sta lavorando, mantenendo la testa in ombra. È preferibile utilizzare una lampada da tavolo in combinazione con una luce generale, specie nelle ore serali. La distanza appropriata dell’attività visiva è 30-35 cm. Si consiglia di eliminare oggetti esuperfici riflettenti e luccicanti, ponendoli fuori dal campo visivo del bambino durante il suo lavoro. La cattiva abitudine di leggere in posizione sdraiata può anche essere uno dei fattori scatenanti la miopia. E 'necessario fare pause ogni 30-35 minuti (20-25 minuti per gli studenti della scuola primaria), applicarsi stando a un tavolo-scrivania e fare uno spuntino.

Website by DD2006.net Web Agency