Ipermetropia



L’ipermetropia (ipermetropia) è un difetto di rifrazione dell'occhio che si instaura quando un'immagine è focalizzata non su una specifica area della retina, ma dietro di essa. Questa è la ragione per cui la retina percepisce una immagine sfuocata.

Cause dell’ipermetropia

Le cause più comuni dell’ipermetropiasono rappresentate dalla presenza di un bulbo oculare relativamente piccolo o dal ridotto potere refrattivo del sistema ottico dell'occhio.
La capacità visiva tende a ridursi con l'età, soprattutto a distanza ravvicinata, perché gli occhi stanno perdendo la capacità di mettere a fuoco (accomodazione) a seguito di modificazioni legate all’invecchiamento del cristallino - la sua elasticità è in calo, i muscoli ed i legamenti che lo sostengono sono sempre meno efficienti. Per tali ragioni l’età compresa tra i 40 ed i 50 anni è quella nella quale più frequentemente si manifesta l’ipermetropia.

Tipi di ipermetropia

Si distinguono diversi tipi di ipermetropia:

  • bassa - fino a + 2.0 D
  • media - fino a + 5,0 D
  • alta - oltre + 5,0 D

Nella bassa ipermetropia sia la visione da lontano che quella davicino sono buone, ma i pazienti possono lamentare stanchezza ed affaticamento visivo, mal di testa e vertigini. Nella ipermetropia media si è in grado di vedere distintamente ad una certa distanza mentre si percepiscono difficoltà di messa a fuoco a distanza ravvicinata. Nella alta ipermetropia la visione è scadente a qualsiasi distanza in quanto la capacità degli occhi di mettere a fuoco l'immagine sulla retina è persa completamente.

L’ipermetropiaviene evidenziata e quantificata interamente solo da parte del medico oculista, che effettua un esame con l’utilizzo di un collirio contenente una sostanza che dilata la pupilla e rilascia il potere accomodativo del cristallino, consentendo in tal modo la determinazione dell’effettiva refrazione oculare.

Website by DD2006.net Web Agency