Il trattamento della cataratta

Esistono i seguenti metodi di base:

  • Trattamento conservativo della cataratta
  • Trattamento chirurgico della cataratta
  • Estrazione della cataratta
  • Facoemulsificazione ad ultrasuoni della cataratta

Trattamento conservativo della cataratta

Fin dai tempi antichi si è cercato di trovare modi e mezzi per curare la cataratta . Gli antichi greci chiamavano questo disturbo "kataraktes" che significa "cascata". Essi credevano che la perdita della vista fosse dovuta ad un fluido torbido tra l'iride e il cristallino. Nell'antico Egitto, la prevenzione della cataratta è basata sull'applicazione di lozioni con il vino, il latte, i chiodi di garofano e noce moscata. Più tardi si è cominciato ad utilizzare vari colliri principalmente di ioduro di potassio per affrontare la cataratta. E 'successo qualche volta che un cristallino grigio è stato semplicemente premuto nell'occhio. Fortunatamente, la medicina moderna ha un metodo affidabile ed efficace per il trattamento della cataratta.
È importante ricordare che attualmente non esiste un metodo medicamentosi o fisioterapico per il trattamento della cataratta. Questo è un processo irreversibile e non è possibile ritornare alla trasparenza al cristallino solo con farmaci.  È solo la chirurgia - la sostituzione del cristallino con una lente artificiale - che assicura una buona vista.

Trattamento chirurgico della cataratta

Il trattamento chirurgico della  cataratta consiste nell’asportazione del cristallino catarattoso e la sua sostituzione con una lente intraoculare artificiale.

Estrazione della cataratta

Questa  metodica è stata la  prima  ed è  servita come base per lo sviluppo della chirurgia della cataratta. Attualmente è una tecnica non più utilizzata, unica eccezione particolari  indicazioni mediche. Si effettua  una incisione di circa 10-12 mm  nel bulbo oculare al confine tra  cornea e sclera (limbus). Il chirurgo utilizza l'incisione per aprire e rimuovere la capsula del cristallino. Una lente artificiale viene poi impiantato al posto del cristallino che è stato precedentemente estratto. Questo metodo chirurgico richiede una sutura.
Questa tecnica denominata estrazione extracapsulare della cataratta  è un'operazione penetrante che può richiedere il ricovero in ospedale e viene eseguita in anestesia generale o loco-regionale. L’ astigmatismo postoperatorio e processi infiammatori erano abbastanza comuni dopo questo tipo di intervento chirurgico. Il periodo di riabilitazione era piuttosto lungo, anche di  diverse settimane. Era inoltre necessario avere cautela nella attività fisica.

Facoemulsificazione ad ultrasuoni della cataratta  

Tutti i medici oculisti riconoscono oggi la facoemulsificazione della cataratta con ultrasuoni come il più efficace, affidabile, indolore meno traumatico metodo  di estrazione della cataratta. L'intervento viene eseguito in regime ambulatoriale e non richiede il ricovero in ospedale. Il chirurgo esegue tutte le manovre attraverso un micro incisione di 2 – 2,4 mm auto sigillante (tunnel) che non richiede sutura.
Una sonda speciale viene utilizzata per emettere ultrasuoni e consentire ad essi di trasformare il cristallino in una emulsione che viene poi aspirata dall’ occhio; successivamente una lente intraoculare morbida e pieghevole è impiantata con l'aiuto di un iniettore. La lente si apre all'interno dell'occhio e si posiziona in modo stabile. Un aspetto importante della procedura di estrazione della cataratta è l'uso di viscoelastici - particolari sostanze che vengono iniettate nell'occhio. L'uso dei viscoelastici durante l'operazione permette al chirurgo di effettuare  liberamente tutte le manovre necessarie. Inoltre i  viscoelastici mantengono la profondità della camera anteriore, proteggono le strutture interne dell'occhio e creano le condizioni ottimali per l’impianto della IOL.
Dopo l’intervento di facoemulsificazione il paziente ha una buona visione già in poche ore e la massima acutezza visiva si nraggiunge in un tempo da 24-48 ore a 1 settimana. Il periodo di riabilitazione visiva e fisica è ridotta al minimo. Molti pazienti ritornano alla loro vita ordinaria già il giorno successivo dopo l'operazione.
Guarda il processo di estrazione della cataratta .
Una tabella di confronto dei metodi di estrazione extracapsulare e la facoemulsificazione della cataratta

 

Estrazione extracapsulare

Facoemulsificazione

Incisione per accedere al cristallino

Grande incisione di 10-12 mm

Microincisione di 2 – 2.3 mm

Sutura

Obbligatoria

Non necessaria, la microincisione è auto sigillante

Anestesia

Anestesia generale o locale per infiltrazione

Collirio topico contenente un anestetico  

Impianto del cristallino

Interamente

Attraverso un iniettore in forma piegata

Ripristino della funzione visiva

Dopo 7 giorni – 1 mese

 In genere 24 ore – 1 settimana

     

Restauro della capacità di lavoro

Da 5 a 7 giorni

Il giorno successivo, dopo la facoemulsificazione, i pazienti tornano alle loro attività abituali.  

Complicazioni

La sutura può determinare astigmatismo post-operatorio elevato, processi infiammatori

Complicazioni sono minimo per l'assenza di sutura e nessun ricovero in ospedale

     

Ulteriori limitazioni

Limiti carichi fisici

Nessuno

 

Website by DD2006.net Web Agency