Cristallini artificiali (lenti intraoculari)

intra-ocular lens

Struttura della lente intraoculare

Il cristallino artificiale rifrange i raggi luminosi e forma un'immagine sulla retina. Come regola, un cristallino artificiale consiste di due parti - la zona ottica e l'elemento di supporto. La zona ottica della lente è una lente artificiale di materiale trasparente biologicamente compatibile con i tessuti dell'occhio. La superficie della zona ottica contiene una zona di diffrazione speciale che fornisce una immagine chiara. Gli elementi di supporto garantiscono il sicuro alloggiamento e fissazione della lente artificiale.

La varietà di lenti intraoculari (IOLs)

Il cristallino artificiale (lente intraoculare) viene impiantato per sostituire la lente naturale dopo la chirurgia della cataratta o l’estrazione a scopo refrattivo  del cristallino trasparente. La  lente intraoculare può essere "rigida" e "pieghevole". La lente 'rigida' ha una forma rigida e permanente e per questo richiede una più estesa  incisione chirurgica con necessità di  sutura che prolunga il periodo di riabilitazione considerevolmente. La maggior parte dei moderni centri di oftalmologia preferiscono le lenti intraoculari pieghevoli o "soft”, costituite da polimeri sintetici elastici. Queste lenti sono impiantati attraverso una microincisione auto sigillante di circa 2,2  mm che non richiede sutura. Le lenti sono inserite nell’occhio  in posizione ripiegata e poi si aprono  assumendo la loro posizione definitiva. Ci sono 6 tipi principali di lenti:

  • IOL monopezzo
  • IOL con filtro giallo
  • IOL asferiche
  • IOL toriche
  • IOL multifocali
  • IOL accomodative

 Lenti intraoculari monopezzo

Monoblock intra-ocular lensesUn  passo rivoluzionario nella chirurgia della cataratta è stato lo sviluppo di una lente intraoculare cosiddetta monopezzo . Questo modello è basato su un design monoblocco, cioè gli elementi strutturali (parte ottica ed anse di supporto) sono realizzati in un materiale bioattivo che riduce al minimo i rischi di reazione delle strutture oculari e lo sviluppo di una cataratta secondaria. Il disegno integrato della lente intraoculare monopezzo ha reso possibile non solo minimizzare l'incisione dell’impianto a 2,2 mm, ma anche evitare alcune complicazioni durante l'intervento; infatti  nel corso dell’ impianto di queste lenti i tessuti oculari non vengono traumatizzati e mantengono la loro forma ed integrità. Inoltre la lente viene impiantata attraverso un iniettore che riduce il rischio di infezione . Ad oggi sono state impiantate nel mondo 15 milioni di lenti intraoculari monopezzo.

Lenti intraoculari con filtro 'giallo'

Intra-ocular lenses with a 'yellow' filterIl cristallino naturale umano non solo determina l’accomodazione per la visione da vicino e da lontano, ma possiede anche  proprietà di protezione speciale per la retina. Con l'avanzare dell'età il cristallino diventa giallastro per un meccanismo naturale di protezione della retina nei confronti  degli effetti negativi dei raggi ultravioletti e blu (per prevenire lo sviluppo della distrofia della retina). Nel corso dell’intervento per  cataratta il chirurgo oftalmico sostituisce il cristallino  con una lente intraoculare artificiale. Ma questo è accompagnato con la rimozione del filtro giallo che riduce le funzioni protettive dell'occhio e aumenta il rischio di malattie della retina legate all’età.
Il filtro giallo della lente di nuova generazione è simile a quella del cristallino naturale. Questo filtro blocca i raggi dello spettro di luce blu, pur mantenendo l'equilibrio della percezione dei colori. Questo filtro giallo nella lente intraoculare protegge la retina come un cristallino naturale.

Lenti intraoculari asferiche

Aspheric intra-ocular lensesLe  lenti intraoculari asferiche sono state sviluppate appositamente per la correzione delle aberrazioni sferiche (distorsioni). Le aberrazioni insorgono frequentemente dopo l'impianto di un cristallino artificiale. Nella maggior parte dei casi il motivo è dato dall’incompatibilità del sistema ottico dell'occhio umano e la lente intraoculare.
Il caso più tipico di aberrazione sferica è quella che si verifica a causa della rifrazione della luce ad angoli diversi quando passa attraverso la superficie sferica della lente intraoculare e il mezzo ottico dell'occhio. Senza correzione adeguata i raggi luminosi non possono essere focalizzati proprio sulla retina e le immagini quindi  essere molto poco chiare. Molto spesso, dopo un intervento chirurgico di cataratta, le persone che prima di sviluppare la cataratta  avevano  una buona visione, cominciano a vedere  aloni, bagliori, lampi di luce in particolare la sera e le ore notturne. Fino a poco tempo fa  non era  possibile evitare le aberrazioni sferiche con modelli tradizionali di lenti intraoculari. Oggi ci sono lenti speciali che hanno una superficie asferica. Tutte le sezioni della lente intraoculare hanno lo stesso potere ottico e per questo motivo i raggi di luce vengono rifratti e concentrati in un solo punto. Queste caratteristiche assicurano una migliore qualità dell'immagine, che è molto importante in tutte le  occupazioni in condizioni di scarsa  illuminazione, quando cioè la pupilla è dilatata.

Lenti intraoculari toriche

Toric intra-ocular lensesMolto spesso la cataratta (parziale o completa opacità lenticolare) è associata ad un astigmatismo. L’astigmatismo corneale  ha maggiore impatto sulla vista di quello presente nel cristallino, poiché la cornea ha un maggiore potere refrattivo.
In passato una cataratta associata con astigmatismo poneva un problema serio per il chirurgo, poiché anche dopo la rimozione della cataratta e l’impianto della lente intraoculare il paziente non poteva vedere bene senza indossare occhiali con lenti cilindriche per la correzione dell’astigmatismo. Lo sviluppo e l'utilizzo di lenti intraoculari toriche ha permesso ai pazienti affetti da cataratta e astigmatismo di acquisire una nuova qualità della visione. La lente torica ha maggiore potere di rifrazione in alcune porzioni della lente e questo permette di ridurre e spesso eliminare l’astigmatismo della cornea, migliorando così la visione a distanza senza necessità di occhiali. La lente torica non solo sostituisce il potere  ottico del cristallino con cataratta che viene asportato, ma corregge anche l'astigmatismo corneale iniziale.

 Lenti intraoculari multifocali

Multifocal intra-ocular lensesLa diminuzione della capacità accomodativa - la capacità dell'occhio di vedere chiaramente a distanze diverse - è ciò che si verifica in tutti gli individui a partire dai 40 anni. A questa età  il cristallino si indurisce, diventa meno elastico, perde la sua capacità di cambiare forma in modo rapido e questo significa che la persona ha bisogno di occhiali per vedere a distanza ravvicinata.  
Le lenti multifocali ('pseudoaccomodative')  hanno un grande vantaggio rispetto alle lenti monofocali tradizionali. Il particolare disegno delle ottiche di questo obiettivo (un tipo misto diffrazione-rifrazione ottica) permette di imitare la funzione del cristallino naturale dell'occhio. Le lenti multifocali hanno più di una distanza focale e questo garantisce la massima acutezza visiva a tutte le distanze, permette di ridurre la dipendenza da occhiali o di abbandonarli completamente. Secondo le statistiche fino all’ 80% dei pazienti con  lenti intraoculari multifocali impiantate non indossa  affatto occhiali.

Le più moderne lenti con queste caratteristiche appartengono a due categorie: 1. Lenti trifocali e 2. Lenti EDOF (a profondità di fuoco continua).

Entrambe consentono una buona visione da lontano e da vicino. Da cosa dipende la mia scelta? Bisogna sapere che entrambe presentano qualche piccola limitazione. Le lenti trifocali garantiscono performance elevatissime nella visione per vicino ma, in alcuni soggetti, possono provocare la visione di aloni intorno alle sorgenti luminose e dunque non le consiglio per coloro i quali abitualmente guidano di notte. Le lenti EDOF invece sono meno potenti per vicino (dati provati negli studi scientifici), ma per lontano forniscono le stesse performance delle lenti monofocali. Quidi la mia scelta è definita sulla base di un approfondito colloqio con il paziente, del quale si devono conoscere aspettative, abitudini e stili di vita, stato oculare e generale.

Lente intraoculare accomodativa

Accommodation intra-ocular lensLe  lenti intraoculari accomodative imitano il funzionamento del cristallino naturale e garantiscono una visione ottimale a tutte le distanze. Questo tipo di lenti hanno caratteristiche molto simili alle proprietà della lente naturale umana. Il design unico della lente accomodativa permette di utilizzare i muscoli oculari. La lente "si muove" e "si modifica" proprio come il cristallino naturale e questo imita la naturale capacità di focalizzare dell'occhio.
Le caratteristiche uniche delle lenti accomodative consentono di ripristinare una buona visione per tutte le distanze, fatto questo che è prerogativa  solo  dei soggetti  giovani e sani. Con questa lente diventa possibile correggere i due problemi  - cataratta e presbiopia ( ipermetropia legata all’età).

Website by DD2006.net Web Agency