Cataratta e glaucoma

La cataratta è una malattia che richiede una attenta valutazione. Molto spesso le persone con diagnosi di cataratta  non hanno alcuna fretta di sottoporsi ad un'operazione. Alcuni credono che ci si possa liberare dalla cataratta senza chirurgia, altri rifiutano l’operazione temendo che la loro visione possa persino peggiorare. Ci sono anche alcuni che pensano che l'intervento può essere eseguito in qualsiasi momento e quindi di poterlo rinviare a tempo indeterminato. Tutte queste opzioni sono potenzialmente pericolose.  

Che cosa succede se si ritarda il trattamento

Quando il trattamento è ritardato la cataratta progredisce in un aumento della densità e consistenza dell’opacità del cristallino, che cresce anche in dimensioni e occupa sempre più spazio all'interno dell'occhio. La pressione intra-oculare aumenta e le strutture interne dell'occhio, tra le quali la retina ed il nervo ottico, sono esposti a una pressione crescente. Ciò può portare allo sviluppo di glaucoma associato alla perdita irreversibile delle funzioni visive. Il trattamento per il glaucoma è rivolto ad impedire un aggravamento ulteriore, ma non è possibile ripristinare quanto è stato perduto.

Che cosa viene prima: la cataratta o il glaucoma?

Non sempre il glaucoma è causato dallo sviluppo della cataratta. Più spesso anzi il glaucoma è presente indipendentemente dalla presenza di una cataratta in qualunque stadio si trovi. In ogni caso la cataratta complicata da glaucoma richiede un intervento chirurgico immediato. In passato il glaucoma è stato considerato come una controindicazione alla chirurgia della cataratta. Oggi con lo sviluppo delle tecniche di chirurgia della cataratta e delle lenti intraoculari, l'esistenza di un glaucoma ad angolo aperto o di un glaucoma ad angolo chiuso, non è più una controindicazione alla chirurgia.
In alcuni casi, quando il glaucoma si sviluppa a causa della crescente dimensione del cristallino catarattoso, è sufficiente rimuovere la cataratta e impiantare una lente intraoculare. Ciò normalizza la pressione intraoculare e si arresta l'ulteriore sviluppo del glaucoma senza la necessità di ulteriori trattamenti.
Tuttavia nella maggioranza dei casi, quando la cataratta è complicata dalla presenza di un glaucoma, sono necessari due interventi contemporaneamente che si effettuano in due fasi. La prima fase è una chirurgia del glaucoma, seguita dalla chirurgia della cataratta mediante facoemulsificazione con impianto di una lente intraoculare artificiale.

 

Facoemulsificazione della cataratta

La Facoemulsificazione è  l’asportazione  del cristallino opacizzato mediante ultrasuoni e la sua sostituzione con una lente intraoculare artificiale. Questo trattamento simultaneo di cataratta e glaucoma viene eseguito ambulatoriamente e non richiede il ricovero in ospedale, il paziente è in grado di tornare a casa il giorno stesso.

Nella nostra esperienza il  96% dei  pazienti operati con intervento combinato raggiunge la normalizzazione dellla pressione intraoculare e la stabilizzazione delle funzioni visive.

Website by DD2006.net Web Agency